Healthy

La frutta è un carboidrato

La frutta è un carboidrato

La frutta è un carboidrato, lo sapevi?

Ma di quelli che fanno meglio!

La frutta è un carboidrato! Quando me lo hanno detto sono rimasta senza parole! Per me i carboidrati sono sempre stati pasta e pane. E invece no, i carboidrati sono contenuti in tantissimi alimenti e la frutta ha un bilanciamento di sostanze ottime come antiossidanti, fibre,minerali insieme a fruttosio e glucosio, che la rendono più o meno zuccherina!

Ma cosa sono questi benedetti carboidrati?

Sono zuccheri complessi che vengono ridotti in quelli più semplici per essere utilizzati per produrre energia. Il tempo in cui l’energia viene liberata dai carboidrati classifica i carboidrati in buoni e cattivi. Quelli “cattivi” sono quelli che rilasciano energia subito! L’indice glicemico è proprio la velocità cin cui un carboidrato rilascia energia! Ci fanno meglio i carboidrati che hanno un basso indice glicemico, cioè che sprigionano la loro energia lentamente. Si, perché quando la sprigionano subito si ha un picco di zucchero che viene raccolto dal corpo per immagazzinarlo come grasso! Immaginatevi quindi che tutto quell’eccesso si trasforma in grasso!

In sostanza, tutti i cibi raffinati ci fanno male in questo senso: farina bianca, riso bianco,  pasta bianca e patate. Invece, ci sono carboidrati semplici molto più sani per il nostro organismo.

Ad esempio, la frutta benefica comprende limone, avocado, fragole, frutti di bosco. Fra le verdure sono ottime quelle a foglia verde, fagioli, legumi. Gli alimenti provvisti di carboidrati  che fanno meglio sono cereali integrali, semi, pasta di grano intero, patate dolci, pane integrale e qualche latticino.

In fondo, i carboidrati sono la fonte di energia proveniente da cibo che contiene amido, fibra e zucchero quindi ovunque si trovino questi tre elementi ci saranno carboidrati. Meno raffinati sono meglio è ! In teoria ci fanno meglio i cosiddetti carboidrati complessi ovvero quelli che contengono vitamine, minerali, antiossidanti. Ad esempio farina d’avena, riso integrale, quinoa, fagioli, piselli e lenticchie sono un buon esempio di carboidrati complessi. Bibite gassate, caramelle, zucchero e farina bianchi sono decisamente dannosi, quindi teoricamente da eliminare perché sono da picco glicemico! Frutta, verdura e prodotti lattiero-caseari sono anche tecnicamente composti di carboidrati semplici; ma grazie a presenza di fibra, proteine ​​e altri nutrienti, agiscono più come carboidrati complessi nel corpo.

Dovrebbero essere consumati ogni giorno, variando.   Tutti i carboidrati che mangiate si trasformano in glucosio nel sangue, solo che quelli complessi sono più lenti mentre quelli semplici sono immediati. E vi dirò una cosa: quando avete ingerito carboidrati semplici dopo un’ora avrete fame perché il vostro corpo richiederà ancora più zucchero! Quindi attenzione a bilanciare bene durante la giornata! La frutta con più alto contenuto di zucchero? Arance, pere, kiwi, ananas, prugne. Quindi fatene uso moderato!

Sara Cavallari

About Sara Cavallari

Sono una mamma, un’imprenditrice ed una donna con diversi sogni nel cassetto. Le mie armi segrete? Un tacco dodici, il sorriso di mio figlio e gli occhi sempre pronti a cogliere nuove opportunità. Ti racconto la mia esperienza di #bossmama. Perchè le donne, possono tutto.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *